E-mensile: Finché non torno

FINCHE' NON TORNO – ZIAD

 

di Noemi Deledda

 

"Il giorno in cui Bashar al-Assad ha deciso, sotto la pressione dei manifestanti e a mia insaputa, di rilasciare alcuni prigionieri politici in Siria, io, attivista di un’organizzazione di sinistra, ho potuto riabbracciare mia madre dopo cinque anni e mezzo di prigione. Mentre il popolo si riversava nelle strade scandendo slogan contro il regime, a trent’anni sono tornato un uomo libero dopo aver firmato un documento di lealtà a vita al regime di Assad. Non dimenticherò mai il momento in cui un ufficiale nel corridoio della prigione ha gridato anche il mio nome. Non lo dimenticherò mai perché, essendo stato testimone dei bombardamenti sulla prigione di Saydanayya nel 2008, non avrei mai e poi mai pensato che sarei uscito vivo da quella cella. Mezzo litro di acqua al mese per farmi la doccia, lunghi black out elettrici, un materassino ogni tre detenuti, un cucchiaio di yogurt, due uova da conservare per una settimana intera, qualche patata e un po’ di semola.… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Sound Design Originale: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio
Foto di Joseph Eid

Bio

Ziad oggi ha 30 anni. Attivista in un’organizzazione di sinistra che in Siria chiedeva riforme politiche e libertà, viene arrestato a 25 anni perché accusato di “atti sovversivi contro il regime di Basharbal-Assad”. Dopo cinque anni passati nella prigione di Saydaniyya insieme a prigionieri affiliati ad al Qaeda e ad altri gruppi dell’islam radicale, Ziad viene scarcerato lo scorso aprile quando mancano due anni alla fine della sua condanna.

 

Si ringrazia Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: La saggezza dell’asino

COMPAGNO MANAGER – Roberto Cortelli

 

di Cora Ranci

 

"All’inizio, di solito, la cosa più difficile è accettare che un animale non si faccia comandare da noi. Sì, perché quando condividi la strada con un asino ti devi rassegnare: i ritmi li stabilisce lui, e non solo quelli. Sarà lui a decidere quando fermarsi e quando ripartire. Se il passaggio per un certo ponte, per esempio, non è gradito, non c'è verso: probabilmente, si sarà costretti a trovare un percorso alternativo… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Sound Design Originale: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Roberto Cortelli è nato a Bologna nel 1982. Per anni ha alternato la vita da studente universitario (una laurea in Storia e una in Geografia)
all’attività di guida ambientale sull’Appennino modenese, dove, insieme ad altri, gestisce la fattoria didattica Asineria di Gombola. Roberto si occupa
di escursioni e trekking, ma anche di educazione ambientale, organizzando laboratori per bambini e seminari di conoscenza dell’asino per adulti.

 

Si ringrazia Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: Compagno manager

COMPAGNO MANAGER – Luca Bellei

 

di Natascia Ronchetti

 

"Il sonno, a dire il vero, non l’ho ancora perso. Ma sono un po’ preoccupato, questo sì. Il fatto è che siedo da entrambe le parti del tavolo. Operaio e amministratore. Sono un socio lavoratore e faccio il fuochista, il che significa che sono un addetto al forno per la cottura delle piastrelle. Ciclo continuo 24 ore su 24, giorni festivi compresi. Mi alterno con altri quattro colleghi, la temperatura interna raggiunge i 1.200 gradi. Ed è vero che il forno è coibentato, ma in estate non è davvero una passeggiata, il calore che sprigiona ti stordisce, quando smonto crollo esausto nel letto. Poi, però, sono anche un consigliere d’amministrazione. Nel Cda siamo in undici e dobbiamo prendere decisioni difficili, stabilire le strategie imprenditoriali..… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Sound Design Originale: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio
Fotografie: Gaia Levi

Bio

Luca Bellei vive a Scandiano, in provincia di Reggio Emilia. L’anno scorso, insieme a 35 compagni di lavoro, ha rilevato l’azienda di cui era dipendente, la Ceramica Optima, ex Magica, che aveva chiesto il concordato preventivo. Formata una cooperativa grazie al sostegno di Legacoop, gli ex dipendenti hanno riaperto lo stabilimento nel giugno di quest’anno.  Adesso si chiama Greslab.

 

Si ringrazia Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: Hip hop ribelle

HIP HOP RIBELLE – Malal Almamy Tall

 

di Luciana De Michele

 

"Tutti mi chiamano Fou Malade, “pazzo malato”: vi sembrerà una provocazione esagerata, una cosa da rapper, ma la verità è che mi sento portavoce e difensore di tutti i malati mentali. Coloro che, come i rapper, vivono la strada, ai margini della società, senza mescolarsi. Sono venuto al mondo a Saint-Louis trentasette anni fa, ma sono cresciuto a Guediawaye, banlieue di Dakar. A vent’anni la mia passione per il rap è diventata ufficiale. Ho cantato con famosi artisti senegalesi, come Viviane e Youssou N’Dour. Dal 2003 sono usciti tre album, che ho inciso da solo e con il mio gruppo, Bat’haillons Blin-D. Nei miei testi denuncio sempre il disagio sociale, il disinteresse e la corruzione della classe politica senegalese. Parlo anche di malati mentali e detenuti, ma uso l’arma dell’ironia. Il mio pubblico è costituito soprattutto dai giovani delle periferie, tra i quali regna disoccupazione, frustrazione, e, spesso, delinquenza.… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Sound Design Originale: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Malal Almamy Tall, Fou Malade il suo nome d’arte, è un rapper senegalese, cresciuto nella periferia di Dakar. Oggi milita nel collettivo Y’en a marre (Siamo stufi) nato per promuovere la mobilitazione e l’idea di cittadinanza, alla vigilia delle elezioni presidenziali alle quali si presenta, per la terza volta, Abdoulaye Wade.

 

Si ringrazia Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: Ricominciare in Grecia

RICOMINCIARE IN GRECIA – Ghiannis Fraghiadakis

– di Margherita Dean -

 

"Ho sempre creduto nella cittadinanza partecipata: ero un ragazzino quando mi attivai nel mio quartiere, qui ad Atene, per salvare un piccolo parco che il Comune voleva cedere ai privati. Io credo che, per cambiare le cose, uno debba prima cambiare se stesso e questo è stato il mio punto di partenza: che senso ha lamentarsi dell’ingiustizia quando non si fa nulla per combatterla?
Ho visto, nella mia vita da adulto, la società in cui vivo trasformarsi, assuefarsi e, alla fine, accettare la deriva morale che, in parte, spiega quello che oggi sta succedendo al mio Paese.
Lo Stato clientelare, le mazzette, il boom economico: nell’estate del 1999, le spiagge erano piene di persone che giocavano in Borsa. Poche settimane dopo la Borsa crollò. Furono tantissimi a rovinarsi, ma la gente dimentica in fretta… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Sound Design Originale: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Ghiannis Fraghiadakis ha 35 anni ed è insegnante di greco moderno. Durante l’occupazione di piazza Syntagma, ha fatto parte del gruppo che si occupava dei viveri per occupanti e manifestanti.

Un ringraziamento speciale a Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

 

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: Il gabbiano e il pesce giusto

ILGABBIANO E IL PESCE GIUSTO – Critical Fish

– di Nicola Sessa -

 

"Mi chiamo Rocco lo zoppo. Ho una zampa che non funziona benissimo, ma non m'importa. Sono un gabbiano, ho le ali e posso volare. E in volo,il 20 maggio, sono arrivato fino a Roma, vicino a Porta Pia. Sono atterrato su un grande gazebo bianco. C'era gente allegra, sotto il tendone: si beveva vino e si mangiava tanto pesce crudo. Una festa. La pescheria Critical Fish apriva i battenti. E' là che ho conosciuto i ragazzi della cooperativa. Si sono inventati un niovo modo di vendere il pesce, di farlo conoscere ai clienti… "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Critical Fish è la prima pescheria didattica aperta a Roma. Il pesce arriva da una piccola filiera di barche che pescano in maniera ecocompatibile: tre barche nel basso Lazio, quattro in Cilento, tre in Calabria e una piccola cooperativa marchigiana forniscono le alici (anche per Rocco).
Critical Fish è nata da un progetto delle cooperative MareMare e Arancia. Per saperne di più www.criticalfish.it

Un ringraziamento speciale a Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: l’Extraimpresa

L'EXTRAIMPRESA – Angela Roig

– di Manfredi Lamartina -

 

"La tv racconta la vita italiana principalmente attraverso la pubblicità. Per noi l’Italia era quello: la cena di Natale in una casa dagli angoli smussati, abbracci e sorrisi, un panettone in tavola come un invitato atteso da un anno. Il televisore mandava le sue cartoline in sedici noni e io mi commuovevo, perché da quelle immagini vedevo una nazione con un forte senso della famiglia. Allora gli italiani sono simili a noi, pensai. Ecco perché quando arrivò il momento di lasciare il Perù scelsi l’Italia.
Se mi fossi trasferita in Spagna avrei avuto dei vantaggi, lo spagnolo è la mia lingua madre, e per una giornalista sarebbe stato tutto più facile. A me però piace complicarmi la vita. Sono le sfide a scandire il passo di una persona. Se una sfida è troppo grande corri il rischio di inciampare e di cadere, facendoti male…. "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Angela Roig è una giornalista nata ad Arequipa (Perù) nel 1979. Laureata in Scienze della comunicazione con specialistica in Giornalismo, ha frequentato un master in Management and Business Administration in Cile. Si è trasferita a Milano
nell’agosto del 2007. Ha fondato il quindicinale freepress Extra Latino. Scrive inoltre per la rivista Comunidad Latina. Da gennaio di quest’anno lavora anche come ufficio stampa per la Fondazione Etholand, che con il progetto Talea si occupa
di valorizzare l’immigrazione qualificata in Italia.

Un ringraziamento speciale a Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook

E-mensile: Vieni a farti bella

VIENI A FARTI BELLA- Lucia Iraci

– di Andrea Ballone -

 

"Taglio, tinta e piega a tre euro. Al “Salon social Joséphine” funziona così. Il negozio però non è aperto a tutte, solo alle clienti selezionate dall’assistente
sociale. A Barbès, il quartiere nero di Parigi, ci sono tante donne disoccupate che crescono da sole i propri figli con 450 euro al mese. Smettono di curarsi, si chiudono in se stesse, perdono fiducia, rinunciano alla propria femminilità e arrivano a non guardarsi più nemmeno allo specchio.
…. "(la storia continua su E-Mensile)

 

Voce: Matteo Ponzano
Una produzione Reset Radio

Bio

Lucia Iraci è originaria di Canicattì, Agrigento. Quando aveva 15 anni si è trasferita a Parigi. Dal 2001 è titolare di un negozio di acconciature di lusso a Saint-Germain-des-Prés e da cinque anni, nella periferia multietnica di Barbès, ha aperto il “Salon social Joséphine”, per le donne che normalmente
non potrebbero permettersi un parrucchiere.

Un ringraziamento speciale a Germana Lavagna – Photoeditor di E-Il Mensile – per la sua preziosa collaborazione

———————-

Come sempre trovate Reset Radio su facebook